Archivio per Politica

2 GIUGNO 2012

crisi economica tricolore

 

Il 2 giugno 2012,

non è un 2 giugno

come tutti gli altri

 

 

 1992-2012

 

 

 

 

 

 

 

Il significato di Repubblica che festeggiamo è rimasto impigliato in venti anni in cui gli attacchi alla Costituzione, la malapolitica, il malaffare ci hanno portato fin qui.

Non tutti hanno agito allo stesso modo, le differenze, le battaglie politiche e ideali che hanno segnato questi ultimi venti anni vengono trascinate dentro un calderone di qualunquismo a cui, dopo il populismo berlusconiano-leghista di centrodestra, dovremmo essere vaccinati.

E invece NO. Questa festa della Repubblica 2012 ci deve portare su un terreno nuovo, con la memoria del passato.

Oggi, festeggiare la festa della Repubblica degnamente, significa ritornare alle nostre radici, con lo sguardo rivolto al futuro.

Il cambiamento,

è già tutto scritto,

nei valori della nostra

Costituzione.

Come durante la Resistenza le staffette erano il tessuto connettivo tra la società civile e i partigiani, così oggi è la nostra Costituzione ad essere staffetta, articolo per articolo, per rafforzare i valori su cui è nata la nostra Repubblica e da cui ripartire per ricostruire un Paese capace ancora di guardare avanti.

Siamo in un momento storico in cui i valori di fratellanza, di uguaglianza e di libertà, che sono alla base della nostra Costituzione, non sono affatto scontati, ma hanno ancora bisogno di noi, delle nostre voci e del nostro coraggio.

Si parla di alleanze e di programmi, ma non si parla abbastanza di quali ideali siano alla base di quelle alleanze e di quei programmi.

L’individualismo esasperato degli ultimi venti anni ha svuotato la politica dei suoi ideali, la vita di tutti i giorni dei suoi significati, il sistema economico di ogni legame con la crescita sociale e civile della società.

Questa crisi economica

non è uguale per tutti

E’ una crisi nata sulle diseguaglianze e sull’aumento delle diseguaglianze prospera.

E’ una crisi che nega la solidarietà, l’uguaglianza e la libertà dei popoli.

La vera festa della Repubblica, oggi, è nell’unica vera foto che guarda al futuro, la foto dei popoli.

Sono i volti di chi sta affrontando il terremoto in Emilia.

I volti dei lavoratori che difendono i diritti conquistati in oltre un secolo di lotte e di battaglie civili.

I volti delle famiglie che non arrivano alla fine del mese.

I volti delle donne che il 13 febbraio hanno chiuso il teatrino della politica berlusconiana.

I volti degli insegnanti che ogni giorno difendono la scuola pubblica e il futuro.

I volti di chi ha votato ai referendum per difendere i beni comuni e adesso aspetta le risposte negli atti concreti di un Parlamento che continua a restare sordo ad un nuovo modello di sviluppo, che difenda il territorio, l’assetto idrogeologico e la sicurezza, che guardi al futuro di un popolo e non al futuro di pochi. Quei pochi che vivono divorando il futuro di tutti. Quelli che ridevano la notte del terremoto dell’Aquila, quelli che vivono di privilegi che cancellano i diritti di tutti, quelli che non conoscono “disciplina e onore” nell’adempimento delle funzioni pubbliche.

ORA E SEMPRE RESISTENZA

RIBELLI!

GLI ULTIMI PARTIGIANI RACCONTANO LA RESISTENZA.

DI IERI E DI OGGI

resistenza

Per crescere i nostri figli

“belli e resistenti”

consiglio a tutti di leggere questo libro.

Raccoglie le voci degli ultimi partigiani.

Le loro vite sono la nostra storia e in questo libro ci consegnano una staffetta, così come durante la Resistenza le staffette erano il tessuto connettivo tra la società civile e i partigiani, così oggi le loro voci ci riportano ai valori su cui è nata la nostra Costituzione, su cui è nata la nostra Repubblica.

Se vogliamo davvero costruire un futuro migliore per i nostri figli,

la risposta è nella nostra Costituzione e nel racconto delle vite di chi ha sacrificato tutto in nome della libertà dei popoli.

Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione,

andate nelle montagne dove caddero i partigiani,

nelle carceri dove furono imprigionati,

nei campi dove furono impiccati.

Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità,

andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra costituzione.

Piero Calamandrei

Si parla di alleanze e di programmi, ma non si parla abbastanza di quali ideali siano alla base di quelle alleanze e di quei programmi.

Siamo in un momento storico in cui i valori di fratellanza, di uguaglianza e di libertà, che sono alla base della nostra Costituzione, hanno bisogno di noi, delle nostre voci e del nostro coraggio.

L’individualismo esasperato degli ultimi venti anni ha svuotato la politica dei suoi ideali, la vita quotidiana dei cittadini dei suoi significati, il sistema economico di ogni legame con la crescita sociale e civile della società.

“Per questo, a mio parere, oggi c’è spazio e necessità per quella che a me piace chiamare “LA SECONDA RESISTENZA” . Una resistenza nuova, non violenta, pacifica, che stia dentro lo spirito dei tempi, nelle condizioni politiche e sociali di oggi.” Raimondo Ricci che maturò la sua formazione antifascista al collegio Mussolini della Scuola Normale di Pisa nel 1939.

In questo libro c’è la storia della nostra città, della nostra regione e del nostro Paese, raccontata da chi sente che “è ancora utile rimanere ancora un po’ in questo mondo per testimoniare quello che abbiamo fatto” come Didala che poco più che ventenne e con un figlio di pochi mesi, viveva sotto i castagni nella campagna lucchese e per  lavare il piccolino  prendeva un paiolo pieno d’acqua scaldato al sole.

Ha sacrificato tutto, in nome della libertà di un popolo.

Noi siamo i suoi nipoti, i suoi figli, il futuro di quel popolo .

UN 2012 DALLA PARTE DEI POPOLI

Immagine

La morte di Vaclav Havel, fa riaffiorare i ricordi della grande stagione di libertà dei popoli dei regimi comunisti europei, alla fine degli anni ’90.

Viene da chiedersi se oggi, non stia di nuovo attraversando l’Europa e il mondo, un’altra grande spinta democratica, che nasce dai popoli.

Oggi c’è Piazza Tahrir, c’è Occupy Wall Street, ci sono le piazze italiane che si sono riempite di donne, di giovani, di lavoratori, di studenti e di immigrati.

I senza potere di Havel, di un libro scritto nel 1978, assomigliano molto ai manifestanti di Occupy Wall Street, ai blogger dissidenti arabi, alle donne di Se Non Ora Quando, ai movimenti dei giovani precari italiani, ai lavoratori di Pomigliano, a chi sale sulle gru per farsi ascoltare.

“Il potere dei senza potere” del XXI sec., nasce usando nuovi mezzi, nuovi strumenti tecnologici, agendo in una nuova agorà che è anche virtuale.

Ma, quello che chiedono i senza potere di oggi, come quelli di Havel, è di uscire dalla menzogna, chiedono onestà e coraggio.

Onestà sul mancato risanamento di un sistema speculativo che impoverisce l’intera economia mondiale, togliendo immense risorse al cammino produttivo dell’economia.

Onestà, sul mancato risanamento di un sistema finanziario internazionale degradato e deteriorato che mette al giogo i popoli.

Coraggio per trovare una via d’uscita da una  crisi sistemica.

Secondo il premio Nobel per l’economia Joseph Stiglitz

“IL CROLLO DEI MERCATI DEL 2008,

HA AVUTO PER IL FONDAMENTALISMO LIBERISTA,

LO STESSO EFFETTO DEL CROLLO DEL MURO DI BERLINO PER IL COMUNISMO”

I popoli schiavi di un’unica rappresentazione della realtà, nel 1989 premevono verso una porta che si apriva su una realtà nuova, alternativa.

Oggi, dov’è la nostra porta di Brandeburgo, che si apre su una realtà nuova ?

Che la crisi economica sia sistemica, è appurato. Mancano però, le vie d’uscita dal sistema, le riforme strutturali.

Su queste vie d’uscita premono le piazze, non quelle dei mercati, ma quelle vere.

Verso una società diversa volge lo sguardo delle donne, dei giovani, dei lavoratori. Uno sguardo in cerca di una nuova porta verso un sistema che sia dalla parte dei popoli.

Il loro potere è maggiore di quello che comunemente si immagina, è il potere di quei senza potere, capaci di cambiare il mondo, raccontati da Havel.

UNA GRANDE EMOZIONE

La politica per me è soprattutto passione.

REFERENDUM

Rivedendo queste immagini il cammino della politica, quella vera,

delle idee, della passione, delle differenti visioni del mondo c’è stato e si è sentito.

Ai banchini per la raccolta firme nel 2010 eravamo in pochissimi a crederci, di riuscire a  fermare il nucleare e il legittimo impedimento, non ci credeva nessuno, solo noi dell’Italia dei Valori, insieme prima ai cittadini che hanno firmato e poi, insieme ai milioni di cittadini che sono andati a votare.

Se non è emozione, questo.

Sentirsi uniti in difesa del bene comune in un momento in cui tutto sembra crollare,

ritrovare l’unità sulla difesa dei diritti costituzionali, sui diritti fondamentali di ogni essere umano.

Oggi è ancora più difficile.

La crisi economica è una crisi sistemica, non se ne esce, se non cercando una via d’uscita da un sistema economico che continua a sottrarre immense risorse al cammino produttivo dell’economia e da  un sistema finanziario internazionale degradato e deteriorato.

Serve più politica e non meno politica.

Un’altra politica.

La politica non è tutta privilegi e poltrone.

La politica è idee e cambiamento.

In queste immagini si respira un’altra politica.

Un’altra politica che è cresciuta e continua a crescere.

10 punti chiave per andare in piazza il 6 maggio e riaprire al futuro

 

  • 1. Fermare una politica economica e sociale che scarica sulle fasce più deboli, sui giovani e sulle donne, sui lavoratori e sui precari, tutti i costi della crisi.
  • 2. Fermare l’economia della crisi, che ha smesso di creare futuro. Nei prossimi anni, anche in presenza di buoni livelli di crescita economica ci aspettano tassi di disoccupazione che fino a non molto tempo fa sarebbero stati giudicati catastrofici, e in realtà lo sono.
  • 3. Ripartire dalla centralità del lavoro, per essere di nuovo in grado di guardare al futuro.
  • 4. Fermare un’economia che invece di guardare avanti, verso la sostenibilità sociale ed ambientale, resta ancorata ai fondali dell’economia della crisi.
  • 5. Superare quella distanza tra economia e società, che è la principale caratteristica dell’economia della crisi. Un’economia che cresce e prospera solo con il crescere degli squilibri e delle diseguaglianze.
  • 6. Che siano queste  le priorità da affrontare e saremo in piazza per affermarlo: in Italia il 10% delle famiglie detiene il 47% della ricchezza. La mobilità sociale è bloccata. Si taglia su scuola, formazione, università, ricerca e stato sociale, compromettendo la crescita e lo sviluppo. 1 donna su 2 ed 1 giovane su 3 non lavora. I giovani e le donne italiane hanno il minor peso economico dei paesi occidentali.
  • 7. Il 6 maggio le piazze d’Italia non saranno solo un momento di protesta, ma saranno la culla di un’altra economia.
  • 8. Stiamo vivendo uno di quei momenti storici in cui ci sono tutte le condizioni per scegliere una strada nuova, ma anche il rischio molto concreto, di continuare ad insistere sugli errori che ci hanno portato alla crisi finanziaria globale del 2008.
  • 9. Fino ad oggi il conto della crisi è rimasto sul tavolo della società civile, nella completa assenza di un piano economico capace di legare i sacrifici ad un nuovo progetto di crescita e di sviluppo. E’ sulle diseguaglianze che si deve intervenire, perché sono la tomba della crescita.
  • 10. L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro e la nostra Costituzione è il nostro passato e il nostro futuro.

RIMBORSI ELETTORALI E COSTI DELLA POLITICA

Il referendum abrogativo dell’aprile 1993 ottiene  il 90,3% dei voti espressi a favore dell’abrogazione del finanziamento pubblico ai partiti.

E’ populista oggi impegnarsi a mettere un freno ai rimborsi elettorali, oppure è semplicemente rispettare la volontà popolare.

E’ un errore stigmatizzare come populista una politica che esige anche dai partiti e dalle istituzioni quello spirito di sacrificio che si chiede sempre più spesso ai cittadini. Tagliare i vitalizi non è una proposta populista . Tagliare i costi della politica non è un’iniziativa demagogica.

Innanzitutto i costi della politica in Italia sono i più alti d’Europa e tra i paesi Ocse.

Tagliare i costi della politica e soprattutto i costi dei privilegi della politica è un’esigenza di credibilità e di trasparenza.

Si dica pure che il referendum del 1993 porta il peso di Tangentopoli e rappresenta il momento di massima sfiducia degli italiani nella politica. In realtà, in Italia, il  finanziamento pubblico dei partiti nasce e viene abrogato sempre dentro la cornice del rapporto malato tra politica ed economia.

La legge che introdusse in Italia il finanziamento pubblico dei partiti nasce, come la sua abrogazione, in seguito a due episodi di corruzione del 1965 (scandalo Trabucchi) e del 1973 (scandalo petroli). Con la Legge Piccoli n.195/1974 il Parlamento intende rassicurare i cittadini italiani proponendo il finanziamento pubblico ai partiti  come muro di fronte alla corruzione della politica da parte dei grandi interessi economici. Saranno gli scandali Lockheed e Sindona a smentire i propositi del legislatore.

Il crollo del muro di Berlino, poi aprì la pagina dei finanziamenti occulti ai due massimi partiti italiani secondo le dinamiche degli equilibri imposti dalla guerra fredda.

Quando si è arrivati al referendum del 1993, lo spirito del legislatore di mettere lo strumento del finanziamento pubblico dei partiti al servizio di un più sano e trasparente rapporto tra politica ed economia e di slegare l’azione della politica da interessi occulti era stato smentito dai fatti degli anni 1974/1993.

Prima che dal referendum il sistema in vigore del finanziamento pubblico dei partiti era stato abrogato dai fatti. Non era lo strumento in grado di incidere efficacemente sui sistemi dei finanziamenti occulti alla politica.

Proporre oggi, di aggiungere all’attuale meccanismo dei rimborsi elettorali il finanziamento alle fondazioni politiche, come prevede la proposta di legge presentata dal deputato del Pd Ugo Sposetti (ex tesoriere dei Ds) e sottoscritta da parlamentari di maggioranza e opposizione, (nessun parlamentare dell’Idv, Di Stanislao ha cancellato la sua firma), porterebbe nelle casse dei partili altri 185 milioni di euro, oltre agli attuali 170, per un totale di 355 milioni l’anno : è un errore su due fronti,

  • la mancata riduzione dei costi della politica
  • un impoverimento delle fondazioni sul piano dei contenuti e dell’indipendenza, a fronte d un arricchimento economico che ha come unica conseguenza un irrigidimento dei legami partitici ed un indebolimento dei legami con la società civile.

Il diritto costituzionalmente riconosciuto e garantito all’art.49 a tutti i cittadini “di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”, ha trovato nell’anomalia berlusconiana un limite, un muro invalicabile di conflitti di interessi che rende il peso economico e mediatico di questa parte sbilanciato rispetto al metodo democratico.

democrazia ad personam

Questo non vuol dire che dobbiamo aumentare i mezzi a disposizione della politica perché il gioco è partito per la tangente del conflitto d’interesse, ma deve essere affrontato e risolto una volta per tutte un conflitto d’interesse che è iniziato nel ’94 e negli anni è solo peggiorato. Se si vuole mettere mano alla disciplina dei rimborsi elettorali e più in generale, ai costi della politica, lo si deve fare per tagliare e non per aumentarli, non per demagogia o populismo, ma solo ed esclusivamente per restituire credibilità e autentico spirito di servizio alla politica.

Berlusconi è un’anomalia nel panorama politico mondiale, tra i paesi democratici, nostri partner ai tavoli della politica internazionale. I venti articoli della riforma Sposetti, invece di porre l’accento sull’anomalia e riportarla dentro le regole democratiche, fa il contrario e nel mettere l’accento sul bisogno di maggiori finanziamenti da parte della politica finisce per piegare le regole democratiche all’anomalia.

Il referendum restituisce la voce ai cittadini e ha segnato i grandi cambiamenti sociali e politici della nostra storia, ieri come oggi, impone alla politica di ascoltare la volontà popolare. Il 12 e il 13 giugno  dipende solo da noi fare il primo passo per fermare l’anomalia Berlusconi, ripristinare l’art. 3 della Costituzione e cancellare il legittimo impedimento.

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.”

PIU’ DONNE IN POLITICA PIU’ POLITICA PER LE DONNE

donne politica

Se le leggi elettorali regionali prevedessero quote di genere al 50%, la probabilità di una donna di essere votata aumenterebbe dal 12 al 36 per cento. strumento di azioni affermative, cioè uno strumento temporaneo che serve a superare una situazione di discriminazione radicata nelle strutture di potere, in questo caso, politico.

VIENI VIA CON ME

Da chi vi fareste portare via,

via dalle menzogne, dall’egoismo, dalla volgarità,

dalle ruberie, dai privilegi,

dall’ostentazione selvaggia di ignoranza e di negazione di ogni merito,

dall’arroganza, dalla prepotenza,

dall’illegalità, dalla mancanza di amore per la cultura ed il futuro ?

Questo dovrebbe essere il profilo del leader della coalizione di centrosinistra alle prossime elezioni.

Onestà e coraggio per guardare avanti in modo nuovo .

L’elenco da ricordare per dare valore al  coraggio delle idee e del cambiamento :

 

IL DIRITTO DI FARE DOMANDE

Lega nord

Quando Berlusconi si appella alla legittimazione a governare ricevuta con il voto degli italiani, chiude la partita democratica il giorno stesso dell’elezione, i diritti dei cittadini spariscono dentro le urne elettorali e muoiono con il voto.

L’abc della democrazia è nel riconoscimento del diritto dei cittadini di fare domande e nel dovere da parte di chi governa, di dare risposte, durante tutto l’arco della legislatura.

Chi fa domande non “delira”, non “commette errori”, esercita la sua prerogativa democratica di cittadino. Non solo Saviano, ma anche il più anonimo cittadino, ha il diritto di porre domande e la politica, ha il dovere di rispondere.

La politica dia risposte invece di cercare lo scontro.

Il ministro Maroni lasci agli intellettuali, ai giornalisti, ai singoli cittadini il diritto di fare domande a chi governa.

E’ un fatto che il Nord sia governato dalla Lega da oltre quindici anni, è un fatto che le mafie siano in affari soprattutto al Nord, chiedere conto di questo è un diritto, chiamare “delirio” l’esercizio di un diritto è, quello sì, un delirio di autoreferenzialità.

La Lega con l’attacco di Maroni a Saviano, è riuscita a dimostrarsi molto più berlusconiana, di quanto vorrebbe fare apparire. Nel suo arroccamento dentro le stanze del potere, anche la Lega, vede i cittadini italiani come nemici, divide la realtà in schieramenti inventati dalla politica. Tra la gente, invece, ci sono domande che esigono risposte, sulla mafia, sull’economia, sulla scuola, sulla sanità, sul futuro di questo Paese.

Ci siamo spinti così oltre nella chiusura della politica nei confronti dei cittadini, grazie anche ad un sistema dell’informazione, che ha smesso di fare domande, ha smesso di incalzare il potere. Sono rimasti isolati, i giornalisti che fanno inchieste di pubblico interesse, come la voce nel deserto di Report. Sono diventati di parte i giornalisti che fanno domande scomode, come Santoro. Si è affermato un metodo agghiacciante di isolamento e di esclusione delle domande dalla vita politica di questo Paese.

E’ la dittatura intellettuale e politica del “ghe pensi mi” ,  dell’orticello di casa diventato unica prospettiva e visuale,  tutto il resto è noia. Peccato che tutto il resto sia elemento determinante per poter vivere dignitosamente all’interno di quell’orticello.

Di fronte a nove milioni di telespettatori, Saviano ha dato voce a tutti noi cittadini che avevamo perso la volontà e la speranza di poter ancora formulare domande ed ottenere risposte, senza essere aggrediti e nell’aggressione verbale vedere negato il rapporto democratico  con chi ci governa, che inizia con il voto ma non finisce dentro la cabina elettorale, come vorrebbe questa politica, che vive e muore dentro le stanze chiuse del potere.

 

LA REPUBBLICA DEL BUNGA BUNGA

“La Democrazia esiste laddove non c’è nessuno così ricco da comprare un altro e nessuno così povero da vendersi” scirveva Jean-Jacques Rousseau.

E’ questo e solo questo il significato della Repubblica del Bunga Bunga. Sono anni che l’Italia dei Valori, ha scelto toni durissimi per descrivere il Governo Berlusconi. L’era Berlusconi ha le tinte buie della mancanza del merito, dell’abuso di potere, del potente che interviene su tutti i poteri dello Stato a suo piacimento, che minaccia, millanta, fino a scaricare in mezzo ad una strada una minorenne, con qualche telefonata.  La beffa è pretendere di farla raccontare come un'”opera pia”, qualcuno ci crede ?


In Italia i disgraziati sono sempre gli altri, c’è uno scollamento morale tra se stessi e gli altri, su cui l’era Berlusconi ha costruito un abisso. Nessuno vede in Noemi, Ruby e le altre i propri figli. Nessuno vede nei magistrati messi alla gogna, nei giornalisti privati dei mezzi per lavorare, nei meritevoli che perdono concorsi ad personam, in quel giovane su quattro senza lavoro, nei disoccupati che sono sempre di più, se stessi, il proprio Paese ed il proprio destino.

I privilegi di pochi sono diventati la fine dei diritti di tutti i cittadini.

E gli italiani ? Hanno preferito identificarsi in quei pochi, nei privilegi, nell’impunità e nell’arroganza?

L’ etica dell’aiutino ha fatto più vittime della crisi economica, ha cancellato il merito e la competenza, ha costruito un Paese sempre più diseguale, con una mobilità sociale inesistente. La ricchezza del Paese è sempre di più nelle mani di pochi e lì ci rimane. Perché nel Paese degli “aiutini”, niente funziona.

democrazia ad personam

Siamo diventati “paralizzati”, perché siamo drammaticamente alla mercé di un sistema che premia chi si piega e condanna chi fa il proprio dovere. Per questo se non cominciamo, tutti, a ritrovare la voce della responsabilità e dell’impegno, che parte dall’indignazione di fronte alla totale noncuranza degli interessi generali, di fronte al prevalere dell’interesse privato su quello pubblico, finiremo per restare schiacciati, da una crisi economica e sociale che non guarda in faccia a nessuno.

Se si pensa di poter affrontare la globalizzazione finanziaria e produttiva con il “ghe pensi mi”, di Berlusconi e di Bossi, si perde tutti e senza appello. Dobbiamo ritornare a riconoscere, noi stessi, negli altri, l’interesse pubblico, prima di quello privato. L’abbaglio del “ghe pensi mi”, leghista e berlusconiano, ha fatto già abbastanza danni .

Cominciamo dai Comuni, dalle Province e dalle Regioni di centrosinistra a costruire la strada dell’alternativa di governo. Un governo capace di esprimere una cultura politica e sociale che crede nel valore del bene comune, della solidarietà, della crescita, intesa sempre, come crescita economica e sociale insieme. Un Governo dalla parte dei cittadini, espressione di un’Italia capace di reagire e difendere il futuro, in un mondo che non è il cortile di Arcore .

 

COME FERMARE L’ECONOMIA E LA POLITICA DEGLI AMICI DEGLI AMICI

Quando l’opposizione sparisce c’è del marcio da condividere

Il caso Verdini parte dai forzieri del Credito cooperativo fiorentino e non si ferma lì.

E’ un sistema trasversale di favori e di privilegi che parte dalle Banche e arriva agli appalti , in una lunga corsa solitaria degli amici degli amici che cancella la concorrenza e il mercato e lascia nel Paese il vuoto di infrastrutture e servizi, di sviluppo e di innovazione. Un monocolore imprenditoriale trasversale, senza concorrenza e con un Service Level Agreement, nullo.

Non c’è crescita nel Paese degli amici degli amici, crescono gli imbrogli e affonda l’economia.

A pagare i soliti cittadini ed il futuro di un Paese che invece di investire nello sviluppo crede solo nelle clientele .

TANGENTOPOLI

Vogliamo cominciare ad affrontare i problemi alla radice, c’è una cultura dei favori in Italia che è trasversale e che sta affondando l’economia del Paese e con l’ultimo governo, anche il sistema legislativo proprio di uno stato di diritto.

Chiunque voglia cambiare deve partire da quì, non c’è nessun altro punto di partenza credibile .

Cosa aspetta Banca Italia a girarle tutte le banche italiane e portare alla luce  il sottobosco  di privilegi e di favori che cancella i finanziamenti allo sviluppo e  favorisce solo gli amici degli amici, senza garanzie ad interessi bassissimi, fino ad  ” azzerare la redditività, ed assottigliare ai minimi l’eccedenza patrimoniale” (dalla relazione degli ispettori sullo stato del Credito Cooperativo Fiorentino) ?

Cosa aspetta Banca Italia a rendere chiaro ed inequivocabile che non ci saranno più sottoboschi dove nascondere favori ed illeciti ?

Cosa aspetta Confindustria a bollare le aziende che vivono dei favori della “politica” come parassiti, è troppo ?

No, è troppo profondo il baratro economico in cui il sistema post-tangentopoli  ha fatto sprofondare il sistema Italia.

In questi ultimi anni ci siamo nascosti dietro la crisi economica finanziaria di portata mondiale, ma i problemi dell’economia italiana,  quelli strutturali, corruzione, mancanza di infrastrutture, burocrazia stanno bloccando la ripresa, mentre nel resto d’Europa si esce dalla crisi, noi, abbiamo ancora il freno ben inserito.

Il sistema dei favori sta spolpando il Paese.

Cosa aspetta la politica a presentare un nuovo programma di governo alternativo non solo a Berlusconi, ma a tutto questo sistema di negazione dei principi fondamentali di uno stato di diritto.

E’ questo il momento del coraggio di cambiare e di puntare su idee nuove per un Paese senza amici degli amici, senza santi in paradiso, senza corsie preferenziali, deve farsi avanti tutta la società civile e smettere di essere connivente. Tutti dobbiamo fare la nostra parte, non possiamo ancora credere alle bacchette magiche, ad un problema sistemico si devono dare risposte a tutti i livelli. Basta chiedere, è il momento  di cambiare, ognuno per la sua parte.

Anche la società civile non è immune da responsabilità, in Italia è mancato il controllo di una società civile capace di dire NO, alziamo la voce con i deboli e la abbassiamo fino al sussurro con i potenti, abbandoniamo il campo che resta vuoto, senza una diffusa presenza di cittadini consapevoli dei propri DIRITTI e DOVERI .

Se non siamo in grado di pretendere un tale spiegamento di forze in difesa del futuro del nostro Paese, allora, nessuno finga, non si metta l’elmetto di chi vuole davvero cambiare l’immobilità del quadro economico e politico di questo Paese, non abbiamo bisogno di belle promesse, di lezioni di stile, ma di impegni concreti da parte di tutti.

Alle prossime elezioni serve uno schieramento capace di  rompere con questo sistema, per vincere o perdere, credendo in un’Italia nuova,più europea e meno furbetta, perchè i furbi sono sempe i soliti e un solo favore cancella i diritti di 60.387.000 di italiani.

Altrimenti non ci resta che vendere le Dolimiti…e non è una battuta,

For a few million, grab your own piece of Italy!

Restare nelle grinfie dei parassiti significa cancellare il vero valore di tutto ciò che ci circonda.

Chi in questi anni ha pensato che questo fosse il sistema berlusconiano è bene che cominci a  depersonalizzare e presentare un programma

alternativo

non a Berlusconi

ma al sistema dei favori per pochi e dei costi per tutti.


La Loggia P2

Io credo che essere stati iscritti alla loggia massonica P2 rappresenti un motivo di ineleggibilità a qualunque carica pubblica.

Nessuno può negare che la P2 sia un’associazione

a delinquere.”

Sandro Pertini, 1981

La Questione Morale

“Non si può rinunciare alla lotta per cambiare ciò che non va.

Il difficile certo, è stare in mezzo alla mischia mantenendo fermo un ideale e non lasciandosi invischiare negli aspetti più o meno deteriori che vi sono in ogni battaglia.

Ma alternative non ne esistono.”

Enrico Berlinguer

Giustizia, Verità e la Dignità di ogni singolo essere umano

A country isn’t a rock.

It’s not an extension of one’s self.

IT’S WHAT IT STANDS FOR.

It’s what it stands for when standing for is the most difficult.

Before the peolple of the world,

let it now be noted, that here in our decision,

THIS IS WHAT WE STAND FOR :

JUSTICE

TRUTH

THE VALUE OF A SINGLE HUMAN BEING

 

Futuro

LE PAROLE DEL PASSATO PESANO SUL NOSTRO PRESENTE
PER UN FUTURO CAPACE DI ASCOLTARLE

Il web è un diario sempre aperto sulle strade abboccate ma mai percorse fino in fondo dei grandi uomini e donne del ‘900, raccogliere quelle voci e sottrarle alla sfera ideale per coglierne la portata programmatica e concreta è un modo per ritrovare il valore dell’impegno politico e sociale.

Ci sono parole, riflessioni, citazioni, idee e valori in bilico tra passato e presente, una linea continua che non si ferma mai, sempre rivolta al futuro, innovatori la cui eredità non trova sbocco nelle azioni dei governi ma capace di guardare lontano e costruire un futuro migliore.

“LA POLITICA DEVE ESSERE FATTA CON LE MANI PULITE”

Passato e Futuro

“On some positions, Cowardice asks the question,
“Is it safe?”
Expediency asks the question,
“Is it politic?”
And Vanity comes along and asks the question,
“Is it popular?”
But Conscience asks the question
“Is it right?”

And there comes a time when one must take a position that is neither safe, nor politic, nor popular, but he must do it because Conscience tells him it is right”

Martin Luther King.

la Speranza e la Paura

Ed una lupa, che di tutte le brame
sembrava carca nella sua magrezza,
e molte genti fè già viver grame,
questa mi porse tanto di gravezza
con la paura ch’uscia di sua vista,
ch’io perdei la speranza dell’altezza.

Dante Alighieri, Divina Commedia
Inferno, Canto I, vv.31-60