TANTO VA LA GATTA AL LARDO CHE CI LASCIA LO ZAMPINO

“Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

Il sistema tributario è informato a criteri di progressività”

Difendere la “progressività” signica attribuire al prelievo tributario la funzione di redistribuire la ricchezza prodotta, contribuendo, con spirito solidaristico al benessere della collettività .

Siamo davvero consapevoli del significato della rinuncia ai principi costituzionalmente riconosciuti della solidarietà e del benessere della collettività ?

Le aliquote fisse della preannunciata riforma fiscale che vengono sbandierate come “il lardo al gatto”, quando vogliamo convincerlo a fare quello che vogliamo, sono lardo per pochissimi gatti e hanno carattere di regressività per tutto il sistema tributario.

Per riforma fiscale regressiva si intende la sostituzione della progressività con la regressività, significa non contribuire più alla crescita del Paese progressivamente secondo la propria capacità contributiva ma regredisce la responsabilità, un operaio paga il 23% quanto un avvocato, perchè poi l’avvocato fa shopping e fa crescere il Paese investendo, spendendo, non secondo il principio della solidarietà ma secondo il caro HOMO HOMINI LUPUS, ovvero, è l’individualismo e l’egoismo sociale alla base della crescita di un Paese.

…se vogliamo crederci…

…restiamo gli unici nel mondo…

Come i giapponesi rimasti bloccati sulle isole del Pacifico ignari della fine della guerra ci comportiamo come se il crollo dei mercati finanziari, il default dei dogmi del liberismo non fosse mai avvenuto : spostare il baricentro fiscale per rilanciare i consumi abbattendo la progressività fiscale significa aumentare le diseguaglianze sociali ed aumentare le speculazioni, in un sistema globale a quali benefici per la crescita di un Paese crediamo?

Ecco il NUOVO SISTEMA FISCALE AD PERSONAS : un prelievo fiscale ad aliquota unica, 23% per tutti i redditi sotto i 100.000 euro, la seconda aliquota al 33% riguarderebbe solo i redditi sopra i 100.000 euro corrispondenti a circa lo 0,5% dei contribuenti.

Cosa spazza via la riforma fiscale delle due aliquote?

Duecento anni di evoluzione della cultura sociale per sostituirla con la verità apodittica della crescita economica affidata alla crescita delle grandi ricchezze spazzata via dall’economia del default “più si arricchiscono le classi sociali dominanti più è ricca l’economia”, peccato che dopo il crollo di tutte le borse mondiali per la mancanza di regole e controlli il mercato non si sia rimesso in sesto secondo l’altra amatissima verità apodittica del liberismo sull’autoregolamentazione del mercato ma sono stati i governi ad intervenire per bloccare il domino del crollo finanziario.

Il domino, però, del crollo dei dogmi del passato è avvenuto in tutto il mondo tranne che in Italia dove si cura la crisi con l’ottimismo, l’erosione del potere d’acquisto delle famiglie con l’abbattimento delle tasse ai grandi patrimoni, invece di detassare i redditi fissi, da lavoro e da pensione si tagliano le tasse a chi la crisi non la sente e di solidarietà non ne vuole nemmeno sentir parlare, sceglie l’elemosina, non la dignità di una politica sociale degna del XXI secolo.

I continui richiami al COMUNISMO del premier Silvio Berlusconi stanno mistificando i principi di solidarietà sociale che niente hanno a che fare con il COMUNISMO ma sono IDENTITA’ EUROPEA e NAZIONALE che ci appartiene e che ci differenzia nel mondo.

Lo Stato Sociale appartiene alla tradizione liberale, ancor prima che socialdemocratica dell’Europa, i principi della solidarietà sociale sono parte dell’ identità europea, mantenerli attuali rappresenta una sfida per l’affermarsi di un’Europa dei popoli, di un comune sentire europeo, di una scelta di cittadinanza e di civiltà.

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: